Innovativi cioè vivi

Download Brochure (file PDF)

performance comico scientifica 

con  Andrea Maria Carabelli e Giampiero Bartolini 

testi di Giampiero Pizzol


Parliamo di innovazione attraverso la forma più tradizionale che esista: il teatro. 

Che, in un contesto, come quello aziendale, dove quasi tutta la comunicazione è mediatica e tecnologica, crediamo essere straordinariamente innovativo.

Innovare per noi significa trovare la formula giusta in quel preciso momento in cui serve. Bisogno, Circostanza e Bene sono i tre ingredienti che potrebbero far nascere un’innovazione. Dico “potrebbero” perché poi nella vita è tutto imprevedibile… 

L’uomo inventa e non si accontenta. L’invenzione cerca una applicazione e l’applicazione è fatta per il bene e il bene vuole sempre il meglio. Il meglio per me e per tutti. Anche solo voler personalizzare un oggetto significa che non ci accontentiamo del semplice consumo.

Ciascuno di noi si inventa la vita ed è un piccolo o grande innovatore. È sufficiente l’osservazione di un fatto, la riflessione su un effetto, il dolore di un errore, la parola di un amico, per rimettersi in gioco e accorgersi di essere vivi e quindi innovativi.

In tutti i campi: dallo sport alla scienza, dal fiammifero alla lampadina, dalla medicina alla cartolina, la creatività è sotto i nostri occhi e a portata di mano.

Non siamo spettatori ma protagonisti. 

E l’innovazione è sempre un bellissimo spettacolo!

Ecco di questo vogliamo parlare.

Due attori, in una performance di 30 minuti raccontano storie di cambiamento tratte dal passato e dal presente, note e meno note, ma certamente significative e utili a spiegare il concetto di innovazione.


Gli attori e l’autore

Giampiero Bartolini noto speaker pubblicitario radiofonico e doppiatore per Netflix.

Andrea Carabelli attore di teatro di parola con una formazione specifica in campo mimico clownesco.

Insieme formano un connubio artistico unico: voce e corpo trovano perfetta sintonia sul palco.

Giampiero Pizzol, l’autore è uno dei più prolifici e rappresentati drammaturghi teatrali oltreché autore di numerosi pezzi cabarettistici.


Esigenze tecniche

La performance è facilmente rappresentabile: è sufficiente uno spazio scenico di 4 metri per 3. E una ciabatta elettrica di prese standard vicina al palco.

Siamo autonomi in tutto (audio, luci), ci serve solo avere a disposizione la location almeno un’ora prima dell’inizio.

Se è predisposta, è possibile utilizzare l’amplificazione della sala. Utilizziamo tre canali (due canali per i due microfoni e uno per le tracce musicali). Abbiamo solo la necessità che chi è al mixer possa vedere i due attori sulla scena. 

Alla fine dello spettacolo liberiamo lo spazio in un quarto d’ora.